Psicologi

Scritto da Marco Castellazzi. Postato in ESPERTO

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

L’Ambulatorio Sociale di Psicoterapia a Torino

 

nasce dalla necessità di dare ascolto alle problematiche psicologiche di diverso genere espresse nel contesto cittadino che attualmente non sempre riescono a trovare un’adeguata risposta. È un servizio per il cittadino che si mantiene in rete con gli altri servizi di cura ed assistenza, presenti sul territorio, per poter garantire il soddisfacimento di tutti i molteplici e diversificati bisogni espressi dalle persone che si rivolgono al nostro servizio. È un luogo in cui sono accolte richieste di aiuto e sostegno psicologico di qualsiasi tipo, in cui sono valutate tutte le possibilità di intervento utili al superamento delle specifiche situazioni di disagio che si presentano. La qualità delle prestazioni svolte viene garantita dalla formazione teorico-pratica dei professionisti. L'ambulatorio si avvale infatti di psicologi esperti in diversi settori, per rispondere in modo mirato e concreto alle diverse necessità dei pazienti. A nostro avviso, la psicoterapia e il sostegno psicologico intesi in senso ampio come prendersi cura del proprio sé, dovrebbero rappresentare un diritto e una possibilità per tutti. Nell'attuale momento di grave e generale crisi economica, questo può vuol dire anche andare incontro alle reali possibilità economiche del paziente.


 

Riferimenti

Tel. 345.57.84.672

www.ambulatoriosocialepsicoterapia.com

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


 Elena Garritano

La dott.ssa Elena Garritano ha conseguito nel 2004 la laurea triennale con lode in “Psicologia della prevenzione del disagio individuale e relazionale” presso la SUN di Caserta, con una tesi che sottolinea l’interesse per le questioni legate al corpo e che ha confrontato i disturbi dell’identità di genere e le patologie del comportamento alimentare. La successiva laurea con lode in “Psicologia clinica e dello sviluppo” nel 2007, sempre presso la Seconda Università degli Studi di Napoli, ha spostato l’attenzione sul tema della genitorialità, con una tesi sull’esperienza di chi diventa padre per la prima volta.

Simone Martino

La scelta di intraprendere gli studi psicologici non è stata subito chiara e neanche lineare. Dopo un grave incidente ho deciso di studiare qualcosa che mi coinvolgesse nella parte più interiore. La scelta è caduta sulla Facoltà di Psicologia, a cui sono approdato nel 1999, dove mi sono mi sono laureato in Psicologia, ad indirizzo clinico e di comunità, nel Marzo 2006, con una tesi dal titolo “Aspetti psicologici del progresso scientifico: un approfondimento di ricerca”, con il Prof. Felice Perussia come Relatore. Dopo il Tirocinio post-lauream presso il Ser.T di Via Passalacqua 11 a Torino con la Dott.ssa Mara Rotelli come tutor, ho preso l’abilitazione come psicologo e mi sono iscritto all’“Ordine degli Psicologi del Piemonte”. Nel 2008 ho iniziato la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad indirizzo psicoanalitico adleriano presso la S.A.I.G.A. (Scuola Adleriana Italiana Gruppo e Analisi) a Torino, che ho concluso con il massimo dei voti, 70/70 e lode, a fine 2011, con una tesi dal titolo “Gli anziani e la creatività: un approfondimento di ricerca” con il Prof. Mario Fulcheri come relatore.

Daniela Meschieri

La Dottoressa Daniela Meschieri è specializzata nel campo della disabilità e dell’infanzia. Offre percorsi di valutazione cognitiva e psicodiagnosi rivolti ai minori; percorsi di sostegno psicologico in presenza di sofferenza emotiva. Tali percorsi si rivolgono anche a minori affetti da ritardo mentale. Si occupa di sostegno alla genitorialità, accompagnando e sostenendo i genitori nella relazione con i propri figli. Inoltre si occupa di specifiche problematiche riguardanti l’età adulta (disturbi d’ansia, disturbi sessuali, …) Offre consulenza anche agli insegnanti e al personale educativo di nidi e materne, laddove è presente la necessità di approfondire maggiormente alcune tematiche che possono emergere all’interno di una relazione significativa con i propri bambini e ragazzi. L’esperienza maturata dalla dottoressa con bambini e ragazzi diversamente abili permette di offrire consulenze a tutti coloro che entrano in relazione con il bambino disabile, ovvero fratelli, genitori, insegnanti, affidatari, educatori.

Cristina Nota

La Dott.ssa Cristina Nota si è Laureata in psicologia Clinica e di Comunità nel 2007 e iscritta all’albo degli Psicologi del Piemonte. Opera nel territorio piemontese da anni come psicologa e formatrice e ha maturato esperienza, sia in ambito aziendale che associazionistico, nella progettazione e realizzazione di interventi formativi per diversi soggetti. Le aree di intervento delle quali si occupa sono, tra le altre il sostegno psicologico all’individuo, alla coppia e alla famiglia, con particolare attenzione alle dinamiche infantili, alla gravidanza e alla nascita di un nuovo individuo e di un nuovo nucleo familiare. Offre consulenze per la progettazione e strutturazione dei programmi didattici ed educativi per scuole, asili nido e associazioni. Propone tecniche di rilassamento per la gestione dello stress e dell’ansia, attraverso esercizi respiratori, di consapevolezza e conoscenza interiore.


Aiuto dottore!!! Sono sempre stanco e svogliato!!! Come posso fare???

“Non sono più quello di prima.. adesso fatico ad alzarmi dal letto, andare al lavoro è uno sforzo enorme, ho spesso le lacrime agli occhi…sono intrappolata in un corpo che risponde con apatia e indifferenza alla realtà quotidiana” (Anna, 50 anni). Anna descrive molto bene, lo stato di malessere e sofferenza che colpisce donne e uomini di tutte le età, soprattutto in questo periodo dove tutto è così precario. La tristezza, la solitudine, l’apatia, possono essere così intense da influenzare tutti gli ambiti; la vita di coppia, il rapporto con i propri figli, il lavoro e le relazioni sociali. Non lasciamo che il timore di non farcela o il senso di vergogna che accompagna molte persone, prenda il sopravvento. Si può ritornare a provare piacere per la vita, a gustare le novità, i cambiamenti e tutti gli eventi che possono accadere. La domanda è come si può fare? A volte sono sufficienti dei colloqui terapeutici, per dare senso e significato a ciò che il corpo ci sta comunicando, in altri casi, ai colloqui terapeutici, è necessario affiancare l’utilizzo di un farmaco per alleviare alcuni sintomi come per esempio l’insonnia o la difficoltà ad alzarsi dal letto. La nostra mente influenza notevolmente il nostro corpo: se un evento (lutto, incidente, separazione…) non è stato elaborato, se abbiamo dovuto affrontare la vita in solitudine, senza la vicinanza affettiva ed emotiva delle persone a noi care, ecco che il nostro corpo necessariamente, chiede aiuto. Dare senso e significato a ciò che ci è successo o ci sta accadendo, aiuta a vedere la via d’uscita da un tunnel che, in molti momenti ci appare buio e senza via d’uscita.

Per approfondimenti: Beck A.T., “La depressione”, Bollati Boringhieri, 1978 Lolli F., “L'ombra della vita”, Mondadori, 2005


Ansia: un nemico comune

Quando proviamo ansia, il nostro corpo ci segnala che viviamo in uno stato di allerta costante. L’ansia è quella che ci fa correre dal dottore per porre subito dei rimedi. Ha infatti una caratteristica rilevante: è fortemente invalidante. Perché interferisce con la vita quotidiana, letteralmente ci “blocca”; pensiamo per esempio all’impossibilità di sostenere un’esame o all’incapacità di vivere appieno un rapporto sessuale per la presenza della cosiddetta “ansia da prestazione”.

Si manifesta in molti modi: quando non riusciamo a mangiare, a dormire bene, quando proviamo dolori come cefalee, per le quali non è possibile rintracciare una causa medica, oppure quando l’attenzione della nostra mente è rivolta a uno o più pensieri ricorrenti.

La condivisione delle proprie emozioni ed esperienze, con una persona adeguata qual è uno psicoterapeuta, aiuta ad imparare a gestire l’ansia. 

Per approfondimenti: Borgna, E. "Le figure dell'ansia", Feltrinelli, Milano 1997

                                      Kennerley H., “Dominare l'ansia”, Pan, 2003

 

 

Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando o chiudendo questo messaggio, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più, clicca su "Approfondisci".